Home » “Le avventure di Pinocchio” MENÚ » I PERSONAGGI » GEPPETTO

GEPPETTO

Le “Avventure di Pinocchio” iniziano con due falegnami sul finire della loro carriera. “Mastro Cilliegia” concreto artigiano poco creativo bisognoso di certezze con un pezzo di legno che parla vuol far semplicemente una gamba di un tavolo e Geppetto creativo, geniale capace di disegnare come fosse reale una pentola che bolle sul fuoco. Pinocchio cercherà di saziare la sua grande fame cercando di scoperchiarla.

Geppetto entra nel laboratorio del vicino amico con un’idea per girare il mondo arrivato in fondo della sua vita lavorativa vuol vedere altri luoghi e con spirito aperto vuol costruirsi una marionetta con la quale realizzare l suo sogno. In fondo a fine carriera ci si può concedere il lusso di lasciare la clientela e girare il mondo… Se non in pensione quando? Per costruire una marionetta ci vuole una buona idea, bisogna poi saperla fare e continuare nel progetto senza paura di quel pezzo di legno fa le boccacce scalcia e poi corre. Anzi una buona occasione per costruire, una volta di più qualcosa di straordinario. Quando Pinocchio appena avute le gambe scappa e Geppetto non riesce a raggiungerlo significa che la costruzione è perfetta. Certo manca ancora delle orecchie e sarebbe inutile richiamarlo ma ad un creativo alcuni particolari si devono perdonare.

Bisogna dimostrare alla creatura senza fili che nella vita poco o nulla si riceve senza un minimo di sacrificio quindi per acquistare l’abbecedario si vende la casacca. Ma poi tornerà a casa dalla galera con tre pere uno dei frutti più preziosi. Geppetto non è ricco ma neanche povero come la filmografia lo ha sempre rappresentato.

In seguito per mesi girerà il mondo per ritrovare Pinocchio capace di farlo sulla base delle sue abilità finché si costruirà una barchetta per navigare sull’oceano. Difficile pensare non fosse un falegname abilissimo. Anche nel ventre del Pesce-cane Geppetto si ricava una possibilità di sopravvivenza per due anni in attesa dell’arrivo di Pinocchio. 

Il finale svela la vera abilità del falegname che ovviamente è molto di più che un riparatore o un costruttore di sedie tavoli armadi… Era un intagliatore, e fra le ultime descrizioni di Collodi troviamo Geppetto che scolpisce una bellissima cornice ricca di fogliami, di fiori e di testine di diversi animali.