Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 01

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 01


Capitolo 1


Buratin o marioneta? Una spiegasion ghe xe!

Iera una volta un rè!

Ma no.. Ma No! Cossa mai! Iera una volta un zoco de legno!

Come pol eser che un zoco de legno ciacoli?!

No solo el ciacolava ma el cognoseva i sovranomi dei do marangoni che sentindose ciolti pel cul i se inaczzava de bruto: “Mastro Toni sovranominà mastro Zariesa per la napa sempre rosa e mastro Gepeto iera per tuti Formenton per via del color del paruchin.

Formentonnn… Formentooon! Se sentiva una voseta che podeva eser solo quela da Mastro Zariesa che però el diseva che no iera stado lu.

No te poso dir che barufon xe vegnù fora! I do se gà imbiavà de bruto, morsigà, sgrafà e sbertucià ( come che disi Collodi ). Coi paruchini che se pasava de man in man.

Co i gà finì de imbiavarse Mastro Toni el gaveva do bei sgrafi sula napa e Formenton do suste in meno sul sacheto.

Ma ala fine i se ga da la man e i se gà giurà de restar boni amici par el resto dela vita.

Gepeto xe rivado a casa col toco de legno che ala fine doveva eser una zata del tavolo,inveze con le sue man de boto xe diventà una marioneta ma cusì mulona che pena fata la boca ghe gà mostrà la linguaza a Gepeto.

E pena fati i pie… El ghe gà tirà un piadon in pien, in tela napa del povero Gepeto.

E uguale pena sgranchide le zate nove, come un levro el xe corso fora de casa.

E Gepeto drio. Ma una marioneta senza el fil no te la ciapi perchè col cori el cori 3 volte più de un cristian.