Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 03

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 03


Capitolo 3


Rivado a casa el gá trova la porta verta e un “Grilo parlante” che iera lá per dirghe qualche verità che se dovessi scoltar o… soprimer co’ una martellata.

Prima ancora de naser Pignocco sapeva zà i sovranomi dela zente, po’ el saveva cusinar un ovo, parlar, corer e el saveva anca come far tunel al caramba e el conoseva anca l’arte de butar lontan el martel ma sicuro nol poteva saver le conseguense de quel gesto… El grilo gaveva fato una bruta fine?

Mefa, mefa, mefa! Finalmente un ovo… Ma che pecá vederlo svolar via!

Iera una note de buriana. La fame de Pignocco iera tanta e in casa no iera un boro de niente de magnar.
Anche con el teror dei toni e dele saete ocoreva de ‘ndar in paese. Lá qualcosa de magnar se troverá sicuro el gaverá pensá?!

De sicuro una seciada de acqua in testa.

Pignocco el tornerá a casa bagnado come un pulisin e ancora più famá e copá de stancheza.

El se meti visaví del fogo per sugarse ma intanto che el se gaveva pisolado i sui pie de legno se gaveva brusá.

Nol se gaveva inacorto che i pie iera ridoti in zenere, e cusì co xe rivado Gepeto, per verzeghe el xe cascado in tera fazendo el rumor de un saco de mestoli cascá dal quinto pian. Ala fine Gepeto gá dovesto entrar in casa dalla finestra