Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 05

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 05


Capitolo 5


Intanto ch’el ‘ndava verso casa chi te incontra? Un gato orbo che tanto orbo no iera, e una volpe zota che tanto zota no la iera.
Pignocco co’ io dó che diseva de conoser Gepeto el gá credú che iera normale de cognoser anca el suo de nome.
Un gesto riscioso xe stado anca de mostrar ai do novi amici i 5 bori.
Un gà slungà subito la zata anche se iera quela da zoto e l’altro gà spalancà de boto i oci verdi che doveva eser ciechi.
Un Corvo Bianco che iera la co i se gà incontrà scoltade che gaveva le parole dei do che zeccava de sconvinzer Pignocco de no andar a scola de no esser bravo e de no studiar el gà zercado de sconvinzer Pignocco de no scoltar i do’ farabutti.
Ciò! No pasa un momento che el gato el gaà fato un salto che no te digo e lo gà magnà in un bocon anche se el iera orbo de tuti due i oci.
Furba anche la Volpe che ghe conta a Pignocco de un posto: “el paese dei Barbagianni”, no lontan, dove che a seminar nel teren miracoloso qule zinque monede tutintun saria nata una pianta che i sui fruti saria stade un casin de altre monede de oro.
I tre i se gaveva avià subito verso quel logo miracoloso. Strada fazendo i xe rivai a una bettola che iera famosa per la riceta dei gamberi de fiume che una volta cusinai diventava Rossi. Iera la Locanda del Gambero rosso”
Per el gato e la volpe xe stado un pantagruelico salto in un delirio de magnativi.
Fra piati semplici e manicareti superbi; una vera immersione nele ricete de Pellegrino Artusi. Pecà per Pignocco aver finalmente l’occasione per sfamarse e no poderlo far causa l’emosion de diventar tictac rico!
Con educasion el gato e la volpe gaveva lasado puf e al buratin ghe gà tocà a pagar el conto che in scuro el xe andà verso el paese dei Barbagianni.
El gaveva no poca paura col gaveva de traversar el bosco.
Fora dela betola iera un scuro ma un scuro che no se vedeva da qua a là. Nela campagna tuto intorno no se sentiva mover una foia. Solo qualche usel noturno traversando la strada da una siepe all’altra finiva col sbater le ale sul naso de Pignocco.
El bosco xe un logo pien de sorprese. L’ incontro con la propria cosiensa o con boni consigli ma non richiesti pol eser un incontro non piacevole. El grilo parlante una volta de più el gaveva meso in guardia Pignocco dai programmi de mona che el gaveva fato co i do’ farabuti.
Nel scuro e nel zito del bosco un rumor. Sarà i asasini? I quattro bori subito in boca e po’ … via via via de corsa.
Pignoco el gà provà a scampar ma el xe stado ciapà e dopo che i ghe gà dito la frase rituale: “o la borsa o la vita” Pignoco el se gaveva messo a far el mimo evitando de verzer la boca a zercando de sconvinzer i do’ col capucio che lu nol gaveva neanche un bel. I do asasini gà aveva tentà in tuti i modi de farghe verzer la boca con un britolon ma Pignoco iera fato de legno duro. Ala fine un bel morsigon ala man del picio imbacucado e maraveia dele maraveie de Pignoco e stà de spudar una ongia de gato.
E via de novo a corer e drio i asasini. Un dato momento el zecca de rifugiarse anche sora a un alto pin ma i asasini ghe gà dado fogo a quel rifugio e alora el gá fato un salton dalla zima più alta fin in tera e via a corer de novo coi asasini drio… e Pignoco coreva coreva coreva.
Finalmente un salton sora un fosso… saveva usar benon le gambe Pignoco! No el steso i asasini che SPLASH! I xe finidi nel ploč in fondo al fosso.
Ma el buratin no iera ancora in salvo.
I asasini drio no molava mai. Iera quasi cascado nele sgrinfie dei do col capucio che co ghe pareva se eser perso ciapado el vedi una caseta nel bosco. El busa el busa finché se verzi una finestra ma ghe vien dito che in quela casa xe tuti morti e che iera morta anche la picio dai cavei zelesti che ghe stava parlando dala finestra e che ghe stava parlando. La finestra se sera e cusì la fata Turchina ghe consegna ai asasini Pignoco eco la fine dela corsa.
El xe stado ciapà el se gà becà due cortelade che gà roto la la a dei due britoloni lunghi l’Inghilterra e guai come rasoi ma el buratin no gà mai spudado i quattro bori ben custodide in boca. No restava altro pel gato e la volpe de implicarlo e lasarlo picar al vento tuto el tempo necessario per tornar al momento giusto e recuperar el tesoro.