Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 07

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 07


Capitolo 7


Intanto ch’el tornava rivado vizin dela quercia dove che i lo have a impicado, chi te trova? La volpe e el gato senza un’ongia. I due no se dava pase e i lo convinzi de seminar i bori de oro stavolta nel “campo dei miracoli” per poder racoglier dopo un poco un vero tesor!

I tre i camina una mezza iornada e finalmente i riva nela zità “Acchiapoacitrulli”. Le strade iera piene de cani spelachiai che sbadigliava dell’apetito, de pecore tosade, che tremava de fredo, de galine testade sensa de creste e bargili  che domandava l’elemosina, de farfale che no podeva più svolar perché faceva vedù le ale colorade.

In mezo a questa mucio de disgraziai e de povereti che se vergognava, pasava ogni tanto dele caroze de siori con dretro qualche volpe o qualche gazza ladra o qualche usel de rapina.

El tempo de andar a cior un poca de acqua e …

Dopo gaver fato dele bele ridade ale sue spale; xe sta un papagal a dirghe la verità a Pinocio.

El fato e la volpe ghe gaveva lumá i bori! Pinocio el cori subito in tribunal per denunciar i due frabuti che ghe gaveva rubado I bori 

El giudice iera un simion dela raza dei gorilla, un vecio simion rispetabile perchè el gaveva i ociai srnsa le lenti che el iera costreto a portar continuamente causa una diminuzione dela vista che lo tormentava de parechi ani. Cusì in mezo a due can mastini vestiti in montura pinocio se gà ciapà 4 mesi de canon