Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 08

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 08


Capitolo 8


L’imperador dela zitá “Acchiappacitrulli” el gà liberà tuti quei che iera colpevoli de qualche roba. Solo quando che la guardia gà capido che anche Pinocchio gaveva combinado qualcosa perché lui steso ghe gaveva dito che el iera un delinquente alora ghe gà verto le porte dela person e lo ga lasado scampar.

Coreva Pinocchio el coreva saltando come un can levriero e nel corer el patoc dele pozanghere ghe schizzava fin sora el sacheto. Le marionete sfiora el pavimento ma qua Pinocchio c’è sensa i fili che lo tegniva solevado dal palcoscenico dela realtà e mi me imagino che no ghe dispiasesi de sporcarse un pocheto.

Per strada el incontra una bisa con la coda che ghe fumava come una ziminiera, la pele verde e i oci de fogo. In principio el sperava de pasar oltre e proseguir anche perché in un dato momento la bisa pareva più morta che viva.

Ma la bisa no iera morta anzi se ga alza de boto come una mola

Pinocioel ciapa un spavento che el fa una capriola e se imputa la testa nel fango e el moveva le gambe co la testa in zò con una velocità incredibile. La bisa la rideva talmente tanto che pel sforzo de rider tropo ghe se ga spacà una vena in peto e stavolta el c’è proprio crepado.

Intanto ch’el tornava ghe ciapa fame e el ruba un poco de ua Moscatella in un campo vizin. Ma una tagliola lo ciapa e el resta incadenà sul posto fin a note fonda quando…

Una lucciola la riva in soccorso. Ma anche ela la ga trová solo el tempo de ricordargje che la fame no da el Dorito de cior la roba de altri.

Le ciacole fra i due le xe state interote dal proprietario del campo che gaveva meso le tagliole per difenderse dale faine che magnava le galline. “Chi che ruba l’ua xe anche non de rubar anche i polli” ghe ga dito el contadin zontando anche che ghe gavessi dado una lezion che el gavesi ricordando per parecchio tempo. Poi el ciapa el buratin fora della trapola e el lo lunga ala cadena del can Melampo che iera de guardia alla caponerà e che iera morto.

Quella note pinocio el gà scoverto che el vecio can iera in comunela con le faine quando Lore ghe gaveva promesso a lui Pinocchio una gallina se el gavesi fato finta che no le iera intanto che le se lumava i polastri.

Pinocio e xe stado liberado dal contadin quando la sua onestà la gà fato in modo de far ciapar le faine senza rovinar la reputazion del vecio can che tanto oramai iera defonto.

Finalmente liberado pinocio non el gà più sentí el peso del’umiliazion de quel colar torno el colo. El gá tacà a scampar nei campi e nol se gà fermà un solo minuti finché nol xe rivado sulla strada prinzipal che doveva portarlo ala casa dela fata turchina