Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 09

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 09


Capitolo 9


Pinocio pien de boni propositi el riva dove che finisi el bosco de dove che el gaveria dovuto veder la casa della bela Lucia dai cavei azuri. 

Non solo la casa dela fata no iera più ma al posto dela casa iera una tomba con Sora scrito la più grande bugia de tuto el libro:” qui giace la bambina dai capelli turchini morta di dolore per essere stata abbandonata dal suo fratellino Pinocchio.” No iera proprio una bugia de poco conto. Pinocio el se ga butá panza in zò  a basar el marmo della tomba. El gá pianto tutta la note e la mattina dopo el pianzeva ancora anche se nol gaveva più lagrime per pianzer. I sui zighi e i sui lamenti iera cusì strazianti e acuti che tute le coline intorno ripeteva l’eco!

In mezzo de tanto dolor riva un Colombo che zerca un buratin de nome pinocio!

A mile chilometri lontan el colombo ghe conta a pinochio de Gepeto mentre che se costruisi un barchin per traversar l’oceano. El ghe disi che quel povero omo iera più de 4 mesi che gira el mondo in zerca de lui e no rivango a trovarlo se iera meso in testa de zercarlo nei paesi lontani del novo mondo.

Subito pinochio salta sora el destriero alato e presto i c’è cusì alti che i podeva toccar le nuvole. Rivado a quell’alteza straordinaria el buratin gà voludo guardar in zó ma el gà ciapà tanta paura e da giramenti che per no cascar de soto se gà “avviticchiato” coi brazi streti streti al colo del colombo.

I gá svolado tuto el iorno e solo la sera I gá rivado a magnar un picio pasto con le “vecce” che el buratin in vita sua no gaveva mai podudo soportar: a sentirlo ghe fazeva nausea, ghe rivoltava el stomigo: ma quella sera ghe ne gà magnade a “stripapelle” e quando che le gà fini de tute se gà girado verso el Colombo e ghe gá dito che nol gavesi mai creduto che le vecce le fussi cusì bone!

Finalmente i riva ala spiagia giusto in tempo per veder un mucio de zente che stava a vardar una picia barcheta per andar a zercarlo di oltre a quel mar e el mar iera oltremodo cativo e la barcheta stava per andar soto acqua.

La zente la ghe mostrava a pinochio ma la barcheta iera oramai un guscio de nose in balia dele onde con un ometo picio picio che a un zerto momento se cava el scufioto… ma la barcheta sbatuda dall’ infuriar dele onde spariva fra i grossi cavalloni e po’ pareva che tornassi a galleggiar… pinochio zigava:- “ gli è il mi’ babbo! Gli è il mi’ babbo”- e Geppetto pareva risponder ma manovrar la barcheta per tornar indrio iera impossibile.

Tuto un momento ghe xe stada una tremenda ondada e la barcheta xe sparita. Tuti sperava che la tornassi a gala ma la barcheta ne se gá visto più. 

In quel momento un zigo disperado e vardando indrio tuti vedi un picio in zona a un scoiò che se buta in mar zigando:-“voglio salvare il mio babbo”-.

Pinochio saveva ben de eser fato de legno e per questo el galegiava ma isteso el spariva soto acqua, portado d’ala forza del mar po’ e tronava a farse veder magari solo co una gamba o con un brazo, sempre più lontan dalla tera. El gà nudà tuta la note. Xe stada una note teribile. Gà piovù che Dio la mandava, gà grandinà, gà tonà de bruto e con zerti lampi che pareva iorno.