Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 10

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 10


Capitolo 10


Finalmente dopo esser stado ciapà dalle onde che corendo de drio e acavalandose se lo sbalotava fra de lore, come che se el fusi stadi un stecchetto o un fil  paia el fu scaraventato sula piaggia. El posto iera deserto solo un delfin xe comparso e cussì pinocchio el gà savesto del paese poco distante e del fatto che in quele acque nudasi un enorme Pese-can, più grosso de un casamento de 5 piani e una bocaza cussì larga e profonda che ghe saria pasà comodamente tuto un tren dela col la locomotiva impizada.

Dopo gaver caminado più de meza ora el xe rivado a un picio paese dele API industriose. Le strade formigolava de gente che coreva de qua e de la per i fati lori: tuti lavorava, tuti gaveva qualcosa de far. No se trovava un pigro o un vagabondo neanche a zercarlo col lumin. El gà domandà l’elemosina a un carbonaio, a un murador e a altre persone sempre indafarade con robe pesanti de portar che ghe gavesi dado volentieri i bori in cambio de un poco de lavor. Ma Pinocchio no voleva far fa diga e nol gaveria mai acetado de tirar un careto o portar un carigo  pensante. Quindi per la sua superbia e per la sua pigrizia continuava a alimentar la sua fame.

Finalmente xe pasada una doneta con due broche de acqua che dopo gaver spento la sede de Pinocchio in cambio del trasporto de una dele due broche gaveria saziado la fame del buratin con un poco de cavolo soto asedo, de un toco de pan e de un confeto de rosolio. Pinocchio nol gaveva magnà ma de più sai de più. El suo stomigo pareva un quartier restà avido e disabitado da cinque mesi. 

Pinocchio presto gà riconosudo nela doneta la sua fata turchina bugiarda ma per lui iera zà una roba bellissima che no la fusi morta anzi iera diventada più mamma che sorella e lu iera rimasto lo steso uguale a prima.

El gà promesso de eser ubbidiente e el gà acetado con un poco de difficoltà de andar a scola e dopo anche de lavorar. El ghe ga dito che el studierà el lavorerà e che el farà tuto quel che ela ghe dirà perché la vita del buratin ghe annoiava e che el voleva diventar un ragazo a tuti i costi.