Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 11

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 11


Capitolo 11


Figureve veder rivar a scola un scolaro de legno. Cusì i fioi se gaveva scadenado intorno al compagno con burle e a ciolte pel cul. Ala fine i scherzi no ga mancado de infastidir Pinocchio che el voleva solo rispetto. Uno dei compagni più birichin dei altri El ga volesto ciorlo per el naso ma inveze in cambio se gà ciapà una bela piada de legno in tei stinchi.

-Ohi che pie duri- ga zigà un muleto tocandose el livido che ghe gaveva fato el buratin. – e che comi!! … anche più duri dei pie! – diseva un altro che per i sui scherzi fora misura se gaveva ciapado una bela comiada in stomigo. Ala fine con qualche pedada e comiada che gaveva fato bei grosi lividi el buratin se gaveva conquistado stima e simpatia dei sui compagni.

Un giorno proprio quei compagni ribelli e scapestrai ghe gá dito che in mar da quele parti girava un cativo e enorme pese-can. Quel che forsi gaveva inghiotido papà Gepeto. Cussì el se gà lasado convinzer e per primo el se gà messo a corer verso la spiagia. Come zà se gà visto prima el iera iragiungibile.

El pese-can probabilmente el girava da quele parti ma no in quel momento. Iera strada un’altra burla per Pinocchio che stavolta se gà incazzà de bruto. I sui compagni ghe gaveva voludo farghe perder una giornada de scola perché el iera cussi pravo e diligente che al maestro i altri li faceva sembrar ancora più sgangherai de quei che i era.

Pinocchio li cioleva pel cul disendoghe che I iera dei “peccati mortali” e dopo una pernacchia verso dela truppa nemica el buratin se gà ciapà un pugno in testa. Na xe strada botta e risposta, perché el buratin come che se podeva spetarse, el gà risposto con un altro pugno e tutointun el combattimento xe diventando generale e accanito. Pinocchio anche se el iera solo, se difendeva come un lion. Con quei sui our de legno sai duro lavorava cusi ben da tenue i nemici a debita . Dove i pie arrivava a tocar la el lasava sempre un bel livido de ricordo.

Pinocchio iera invincibile nel corpo a corpo del resto el iera fato de legno duro. Cussi i fioi i ga deciso de armarse con i proiettili che i gaveva a portata di mano. I libri. Ga cussi incominciado un battaglia fata de dizionari, vocabolari, de libri de raconti… tuti butai verso Pinocchio ma molti sbaiando mira finiva in pasto ai pesi che dopo poco i se ga inscirto che no iera roba de magnar.

Un granzo se gà deciso a meter in guardia i scadenai del pericolo che qualcosa de grave podessi suceder ma i consigli xe zà dificile da scoltar in tempo de pase figuremose in piena guera. Cussi Pinocchio ghe gà zigado drio de calmarse e de magnarse due pastiglie de alghe per guarire del suo bel mal de gola. Ghe ga anche zigado de andar in leto e de zercar de sudar.

I libri de aritmetica specie se rilegai per durar de più i pol far sai mal.

Un de quei delinquenti el gà ciapà quel volumon e lo gà buta con tuta la forza che el gaveva nel brazo: ma inveze de ciapar el buratin el ga ciapà in testa un dei sui compagni che el xe diventado bianco come una straza.

Eugenio pareva che el fusi morto.

Due caramba che pasava de quele parti vedendo el muleto per tera i ghe ga domandado come che el se fussi ferido e Pinocchio ghe ga dito che el libro colpevole dell’incidente iera el suo. In realta lui iera inocente ma per incaramba no xe stado cussi. Subito i lo gà dichiarado colpevole e anche se pien de rimorsi per eserse lasado inzinganar de quei cattivi compagni el xe stado arestado.