Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 12

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 12


Capitolo 12


I caramba subito se occupa de meter in salvo Eugenio fazendolo portar in paese e po’ i se gira verso de Pinocchio e dopo verlo meso fra mezo ghe ga dito – Avanti e camina e movite se no sarà peso per ti –

Qualche volta una rafica de vento pol eser un colpo de cul. Cavà de testa la bareta el vento lo ga butà lontan e Pinocchio che iera un buratin educato, ghe gà domandà ai caramba se ghe iera posibile recuperarlo. Lori ghe ga dito che el se movesi che se el fazeva in furia el podeva far. Eco l’ocasion per scampar co la bareta in boca ma cusì in furia che i caramba no i podeva guantarlo. Una volta de più Pinocchio no camina ma el cori sempre. 

I ghe mola drio un cagnon, un can mastino che gaveva vinto el primo premio a tutte le corse dei cani. Pinocchio coreva ma de più coreva el can. Pien de gente vardava per strada e par le finestre che voleva veder sto feroce inseguimento. Ma i do’ i faceva talmente tanta polvere che dopo un poco no se vedeva un boro.

Durante sta corsa disperada ghe xe sta un momento teribile!

Bisogna che savè che Alidiro questo iera el nome del cagnon a furia de corer e corer gaveva quasi raggiunto el buratin che el sentiva oramai vizin vizin el fià del cagnazo.

Appena che I xe rivadi sula spiaggia el buratin gà tirà un salto incredibile come gavessi fato una rana e el xe finido in mezo al mar. Alidiro inveze gavessi voludo frenar ma col impeto de corer nol ga rivà é el xe cascade anche lui in acqua. Pecà perché nol sapeva nudar. Cusì Pinocchio el xe corso in suo aiuto ma con santa pasiensa per paura visto cosa che iera sucesso poco prima.

Fidarse xe ben no fidarse xe meio. Cusì dopo eserse fato prometer de no gaver più de preocuparse per el fururo che nol ghe gavesi più corso drio Pinocchio se gà deciso de salvar Alidoro de finir negá.

El povero cagnon no stava più in pie. El gaveva bevudo talmente tanta acqua che el iera sgionfo come in balon. Pinocchio comunque pena gà podesto el se gà ributà in mar no savendo se fidarse o no e nudando via dela spiaggia lo salutava come a un amico e el can ghe rispondeva con tanta gratitudine per gaverlo salvado. Disendoghe anche che se saria stada l’ocadion ghe gavesi tornado el favor.