Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 14

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 14


Capitolo 14


Cusi conzà vestido de in sacheto de carta con mile dubbi se presentarle o no ala fata turchina ancora una volta pentido Pinocchio se gà intanto incaminá in quella direzion. 

A rivado che el iera alla casa sai titubante de come la gaveria ciapada la fata nol gaveva sai coraggio de busar. El xe corso via inveze de baterghe po el xe tornà una seconda volta senza concluder nada de nada. Po repete una terza volta e niente la quarta el ciapa in man tremando el battente de ferro e ghe da un picio picio competing ala porta.

Dopo mezza ora se verzi la finestra del 4 pian e vien fora una grosa lumaca. Lentamente come pol far una lumaca lo riconosi e ghe disi che la fata stava dormindo e che non podeva eser disturbada.  Ghe disi che la ghe gavesi verto subito ma capì ben cosa voleva dir per un animal lento per natura come la lumaca “subito”.

Pinocchio ga pasado tuta la notte in inutile attesa con el battente stufo de eser usado per verzer la porta se ga stufado e xe scampà trasformado in bisato.

Pinocchio a un certo punto el xe scantinà a son de spetar e ghe ga tira un piadon alla porta cusi el pie ghe se gaveva incastrà dentro. 

La mattina co gaveva comincià a far ciaro finalmente se gà verto la porta. In 9 ore la lumaca iera rivada dal quarto pian… co se disi “subito” xe tuto relativo. Come “volentieri”. 

Inciodado alla porta e con una gran fame Pinocchio ghe gà domandado de esser liberà e qualcosa de magnar ma el xe stado contentado solo per la seconda richiesta. 

Dopo 3 ore e meza Pinocchio la ga vista tornar ci un vassoio de argento in testa. Nel vassoio iera la colazione mandada dalla fata: un toco de pan, un polastro  rosto e 4 ermellini maturi. Come che el buratin ga visto tuto quel ben de Dio el se gà consolado. Ma poco el ghe ga meso a capir che el pan iera de geso, le albicocche de alabastro e el polastro de carton. El voleva pianzer, disperarse, voleva buttar via El vassoio ma no se ga capido se per la fame o per el dolor el xe andà insieme zò per tera. Quando el se gà sveiado el se gà trovado disteso sul divano co la fata vizin. 

Pinocchio prometti de esser bravo, ubbidiente e scolaro diligente. Per festeggiar che tuto questo lo gavessi fatto diventar un fio vero la fata turchina gaveva organizzado un banchetto con 100 panini con butiro sora e soto. 

Adesso bisognava solo invitar i altri fioi e  compagni de scola alla grande festa… per disgrazia nella vita dei buratini e non solo ghe xe sempre in ma che rovina ogni roba.