Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 15

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 15


Capitolo 15


Fra i amici de Pinocchio ghe iera un certo Romeo ma per i amici iera Lucignolo. Iera la più boba dei compagni del buratin che lo gà convinto a seguirlo nel paese dei Balocchi. Basta con le scole i doveri el lavor… solo zoghi e divertimenti. A mezanotte un caro xe rivado all’appuntamento. El gaveva le riode coverte de straze e tirado da asinelli coi zocoli coverti coi stivai de cuoio fin per no far casin.

Pinocchio gaveria podudo eser più attento dai avvertimenti che rivava sottovose da un ciuchino. La prospettiva de rivar in un paese dedicado interamente a feste e bagordi iera troppo forte. Alla partenza con un asinel che no voleva gaver nisun in gropa xe bastà un bel morsigon a una recia che lo gà adomesticà e cussi el caro c’è partí col suo carigo de bobete e tarete. 

Questo paese no somigliava a nisun altro paese al mondo. La sua popolazion iera tua composta da muloni dove i più veci gaveva 14 anni i più giovani ne gaveva 8 apena. Nelle strade alegria, casin tuti che zigava. Grupi de fioi che zogava a mosca cieca chi che faceva i salti mortali chi che faceva la galina che gà fato l’ovo. Chi ancora che caminava co le man in tera e le gambe in aria… insomma un casin un pandemonio indiavolà. Cussi xe svolai 5 mesi de cuccagna senza un libro senza un giorno de scola. 

Gratarse la testa de marina pena svei pol portar a qualche bruta sorpresa per chi frequenta el paese dei balocchi. 

Una marmotta che abitava al pian de sora sentito che la gaveva la disperazione de Pinocchio no la ga fato altro che confermar quel che Pinocchio gaveva visto soeciandose in un casin de acqua. Ghe iera cresude due bele orece de asino. Fra un poco anche la vose e tuto el resto saria cambiado. 

Lucignolo e tuti i altri gaveva subido la stessa sorte. Iera tuti diventai dei asini!

Bruta sorte per chi gaveva scelto la via del vizio, del divertimento, del casin. 

Pinocchio xe stado vendudo a un diretor de una compagnia de saltimbanchi. Lo gaveva comprà per ammaestrarlo e cussi farghe saltar i cerci, ballar la polka e el valzer stando dritto sulle zate de drio. 

El povero Pinocchio per amor o per forza gà dovesto imparar ste bele robe ma per farlo ghe ga voludo 3 mesi de lezioni e una bela dose de frustade. Ma in un esercizio se ga fato mal a una gamba e el zotava de bruto. La fata turchina che iera presente fra el pubblico no la ga volesto o podudo far niente per salvar el asino-buratin zoto.

Cusi disemo “guasto” el xe stado vendudo al mercato per far un tamburo.

Per negarlo i lo gà portado sulla scogliera e butado in mar co una piera al colo.

Ma tuti i pesi xe venudi per magnar l’asino e rivai al legno duro che iera fato Pinocchio no ghe ga piasso più e lo gà lasado ligado alla corda che iera tignuda in man dal novo paron. Sto qua tirandola dopo un poco el vedi afiorar un arzillo buratin inveze che un asino negà! Una storia conta da Pinocchio farà in modo de salvarlo un’altra volta.