Home » “Le Avventure di Pinocchio” MENÚ » “Le avventure di Pinocchio in triestino”. » “Le avventure di Pinocchio in triestino” 16

“Le avventure di Pinocchio in triestino” 16


Capitolo 16


Pinocchio finalmente libero dopo esserse burlado de chi gavessi voluto copar el povero ciuchino zoto e della pelle farse un tamburo, se gà ritufado in mar. El gà incomincià a nudarfazrndo capriole e salti come che el fossi un delfin de morbin.

Pinocchio nudava verso un scoio bianco Sora ghe iera una capretta turchina che Pinocchio sperava tanto che la fussi ancora una volta la fata turchina ma… 

Iera zà a meza strada quando vien fora dall’acqua e ghe cori incontro una orribile testa de mostro marino, con la Boca talmente verta che sembrava una voragine e tre file de denti che gavessi fato paura anche a vederle disegnade. 

Quel mostro marino no iera altro che quel pese-can ricordado altre volte in questa storia. Per le stragi che el gaveva combinà e per la fame insaziabile gaveva per sovranome l’“Attila dei pesci dei pesci e dei pescatori”.

Pinocchio nudava e la capretta ghe zigava de nudar più forte che mai e lui nudava con tutta la forza che el gaveva. Finalmente el riva sul scoio bianco praticamente salvo. La capretta ghe slungava le zatine… ma oramai iera tardi! El mostro ciuciando el fià e el mar se gà bevuto anche el povero Buratin come che el fusi un ovo de galina.

Intorno iera un un scuro ma un nero cusí nero e profondo che ghe pareva de esser entrado in una boceta de inchiostro. Anche un tonno xe stado ciapà dentro. Cussi nol podeva far de meno de pensar che quando se xe tonni xe meio morir soto acqua che sotto oio!

Pinocchio el vedi una lucetta in fondo a tuto sto scuro e pian pianin a gato el xe rivado fin in fondo alla panza del pesazo. El sperava che dove che iera la luce ghe fussí qualchidun che ghe insegnasi el modo de scampar. 

E el trova qualchidun sicuro che el trova un che stava magnando a tavola. 

Iera Geppetto!!! Proprio lui iera là.

Iera stado inghiotí dal pese-can proprio el giorno che i se riera visti dala spiagia oramai 2 anni prima. Quella buriana che gaveva ribaltà la barchetta la gaveva fatto naufragar anche una nave mercantile. I marinai se gaveva salvado tuti ma el bastimento iera andà a fondo. El solito pese-can, che quel giorno gaveva un appetito eccellente, dopo aver inghiottido Geppetto gaveva inghiottí anche el bastimento. De quella riserva de robe che gaveva servido a Geppetto per sopravviver no restava solo che un mozzicon de candela.

Pinocchio ciapa in man la situazion e el se acorzi che el pese-can soffriva de asma e de palpitazion de cuor. El iera costretto de dormir a boca verta. Perciò Pinocchio guardando in su fora della gola oltre l’enorme bocca el gà podesto veder un bel toco de ciel stellado e un bel riflesso de luna. 

Trovado el momento bon per scampar fora da quella bocaza oltre le tre file de denti, Pinocchio con in gropa Geppetto se ga messo a nudar come save a fa sai ben.

Sentiva tremar el papà ma el zercava de consolarlo finché però ghe mancava le forze. Quando oramai ogni speranze iera persa… xe rivado in soccorso el tonno che gaveva seguito i passi de Pinocchio e Geppetto co’ i scampava. Cussí i due c’è stai salvai e sul gropon del grosso tonno i xe rivai tic tac ad una spiaggia. 

Pinocchio el xe stado riconoscente de quell’aiuto che ghe iera  sembrado un miracolo. Cussí quando el tonno gà tirado fora el muso fora dell’acqua Pinocchio piegando i zenoci fin per terra ghe ga dado un bel baso affettuoso sulla bocca. A quel gesto el tonno no iera abitua e se ga senti talmente commosso che vergognandose de farse veder coi lagrimoni el gà butà la testa soto acqua e el xe sparido.